Registro stupefacenti. Istruzioni per l’uso.


DM 3 agosto 2001 Approvazione del registro di carico e scarico delle sostanze stupefacenti e psicotrope per le unità operative.
1. Il registro di carico e scarico in dotazione alle unita’ operative delle strutture sanitarie pubbliche e private, nonche’ delle unita’ operative dei servizi territoriali delle aziende sanitarie locali, e’ l’unico documento su cui annotare le operazioni di approvvigionamento, somministrazione e restituzione dei farmaci stupefacenti e psicotropi.
2. Il registro, costituito da cento pagine prenumerate e il direttore sanitario provvederà
alla sua distribuzione.
3. Il responsabile dell’assistenza infermieristica e’ incaricato della buona conservazione del registro. Dopo due anni dalla data dell’ultima registrazione, il registro puo’ essere distrutto.
4. Il dirigente medico dell’unita’ operativa e’ responsabile della effettiva corrispondenza tra la giacenza contabile e reale delle sostanze stupefacenti e psicotrope.
5. Il direttore responsabile del servizio farmaceutico, attraverso periodiche ispezioni, accerta la corretta tenuta del registro di carico e scarico di reparto. Di tali ispezioni verra’ redatto apposito verbale che sara’ trasmesso alla direzione sanitaria.
6. Ogni pagina del registro deve essere intestata ad una sana preparazione medicinale, indicandone la forma farmaceutica e il dosaggio. Inoltre si deve riportare l’unita’ di misura adottata per la movimentazione.
7. Le registrazioni, sia in entrata sia in uscita, devono essere effettuate cronologicamente, entro le 24 ore successive alla movimentazione, senza lacune di trascrizione.
8. Dopo ogni movimentazione, deve essere indicata la giacenza.
9. Per le registrazioni deve essere impiegato un mezzo indelebile; le eventuali correzioni, effettuate senza alcuna abrasione e senza uso di sostanze coprenti, dovranno essere controfirmate.
10. Nel caso di somministrazione parziale di una forma farmaceutica il cui farmaco residuo non puo’ essere successivamente utilizzato (come ad esempio una fiala iniettabile), si procedera’ allo scarico dell’unita’ di forma farmaceutica. Nelle note sara’ specificata l’esatta quantita’ di farmaco somministrata, corrispondente a quella riportata nella cartella clinica del paziente. La quantita’ residua del farmaco e’ posta tra i rifiuti speciali da avviare alla termodistruzione.
11. Il registro non e’ soggetto alla chiusura annuale, pertanto non deve essere eseguita la scritturazione riassuntiva di tutti i dati comprovanti i totali delle qualita’ e quantita’ dei medicinali
movimentati durante l’anno.


PRESCRIZIONI D’USO


1. Indicare: il nome della specialita’ medicinale o del prodotto generico o della preparazione galenica, la forma farmaceutica (compresse, fiale, soluzione orale ecc.), il dosaggio e l’unita’ di
misura adottata per la movimentazione (ml, mg o unita’ di forma farmaceutica).
2. Indicare il numero progressivo della registrazione.
3. Indicare il giorno, mese ed anno della registrazione.
4. Indicare il numero del buono di approvvigionamento o di restituzione del farmaco.
5. Indicare la quantita’ di farmaco ricevuta in carico.
6. Indicare il nome e il cognome o il numero della cartella clinica o altro sistema di identificazione del paziente. Indicare l’unita’ operativa, in caso cessione a quest’ultima. Indicare la farmacia, in caso di reso.
7. Indicare la quantita’ di farmaco somministrata o consegnata o ceduta o resa.
8. Indicare la quantita’ di farmaco giacente presso l’unita’ operativa dopo ogni movimentazione.
9. Firma di chi esegue la movimentazione.
10. Indicare, oltre ai casi gia’ evidenziati, specifiche annotazioni atte a fornire maggiore chiarezza in casi particolari.

Come devono essere custoditi i farmaci stupefacenti

I farmaci stupefacenti e psicotropi devono essere conservati in un armadio o un contenitore non asportabile chiuso a chiave, separati da qualunque altro prodotto farmaceutico.

Rottura accidentale fiale di stupefacenti

In caso di rottura accidentale di stupefacenti, ad esempio una fiala che cade, deve essere redatto un relativo verbale da parte dell’Operatore che ha provocato il danno.

In tale nota, che va allegata al registro di carico e scarico come documento giustificativo di scarico, va segnalato:

  • data
  • nome e cognome dell’operatore
  • dinamica dell’incidente
  • eventuale presenza di testimoni
  • firma

Se sono presenti testimoni, anch’essi dovranno apporre la loro firma per confermare il fatto.

I cocci del contenitore primario o gli eventuali residui vanno smaltiti nel contenitore dei rifiuti speciali presente in ogni U.O. Sul registro di carico e scarico, nella pagina relativa del farmaco interessato, verrà effettuata l’operazione di scarico riportando, come documento di scarico: “verbale allegato” e la relativa data e come destinazione sarà indicato: “contenitore rifiuti speciali”.

Prestiti in situazioni di emergenza

In caso di reali situazioni di emergenza – e solo in quel caso – sono ammesse movimentazioni di farmaci stupefacenti tra diverse Unità Operative (“prestito”)

In questi rari casi non deve essere usato il modulario per la richiesta, ma deve essere compilato un modulo da utilizzare per le necessarie registrazioni di carico-scarico nell’apposito registro di cui costituisce documentazione.

Tale modulo va redatto in triplice copia, di cui una per la farmacia ospedaliera, una per l’U.O. richiedente ed una per la U.O. cedente.

Precedente Near Miss, per un soffio. Successivo Efficacia ed efficienza. Indicatori di Performance