Efficacia ed efficienza. Indicatori di Performance

Efficacia ed efficienza, insieme all’appropriatezza di cui abbiamo già parlato, sono degli importanti indicatori di funzionamento aziendale.

In ambito sanitario definiamo come efficacia un giudizio, che dipende da fasi sperimentali, circa la validità di una procedura o di una prestazione in termini di esiti di salute.

L’efficienza invece indica la modalità per produrre ed erogare materialmente quella prestazione ai costi più bassi.

EFFICACIA

È in generale, la misura della corrispondenza tra i risultati ottenuti e gli obiettivi prefissati. In sanità l’efficacia è la probabilità di modificare in meglio lo stato di salute di una popolazione, di un sottogruppo, di un individuo. L’ efficacia è riferita agli esiti del processo assistenziale e sarà tanto maggiore quanto minore sarà lo scarto tra i risultati ottenuti (outcome) e gli obiettivi (effetti attesi). Una corretta interpretazione del termine presuppone la distinzione tra efficacia teorica ed efficacia pratica.

Efficacia pratica (effectiveness)
Capacità di raggiungere il risultato desiderato in condizioni operative reali, con casistiche poco selezionate e di solito con variabili di contesto e condizioni organizzative peggiori di quelle proprie degli studi sperimentali.

Efficacia teorica (efficacy)
Capacità di raggiungere il risultato desiderato in condizioni o studi sperimentali, con casistiche selezionate, variabili di contesto e condizioni organizzative controllate e migliori di quelle presenti nella pratica routinaria.

EFFICIENZA

È data dal rapporto tra output (cioè prestazioni prodotte o rese) e input (fattori produttivi, o più in genere risorse, impiegati per produrli). È la misura del rapporto tra i risultati ottenuti e le risorse impegnate. Può essere:

• Allocativa migliore distribuzione delle risorse tra impieghi alternativi.

• Tecnica o operativa migliore combinazione dei fattori produttivi a livello operativo.

Esempio di efficienza:

 Il laboratorio di diagnostica per immagini A è più efficiente di quello B, qualora a parità di risorse impiegate produca più referti.


Precedente Registro stupefacenti. Istruzioni per l'uso. Successivo La revisione sistematica